Marchesini Group

Tre tecnologie di taglio, un unico software per Marchesini Group

Presso gli stabilimenti produttivi di Marchesini Group, leader nella fornitura di linee complete e macchine per il confezionamento, Alma Software è l’unico sistema di programmazione delle macchine in officina, qualsiasi sia la tecnologia produttiva. act/cut pilota simultaneamente le machine laser, waterjet e fresatrici, mentre è direttamente collegato al sistema gestionale Baan.

Situata nel cuore della Packaging Valley bolognese, Marchesini Group è un’azienda leader nella fornitura di linee complete e macchine per il confezionamento. Il Gruppo ha saputo ritagliarsi questo ruolo grazie all’originalità e all’affidabilità dei propri prodotti. I numeri ne testimoniano il successo: oltre 9.000 impianti installati in tutto il mondo, un ricavo di Gruppo pari a 150 milioni di euro nel 2007 e gli ordinativi in continua crescita.

Fondata nel 1974 a Pianoro vicino Bologna, dove tutt’oggi si trova il quartier generale, Marchesini ha dato vita nel corso degli anni a un vero e proprio Gruppo che, attraverso acquisizioni e accordi di partnership con aziende complementari del settore, è in grado di far fronte all’intero processo di confezionamento, da monte a valle, per l’industria farmaceutica e cosmetica oppure per le industrie farmaceutiche e cosmetiche. Oggi Marchesini Group è articolato in diverse divisioni produttive, sei aziende acquisite e due aziende partner, ognuna con una consolidata esperienza nella progettazione e realizzazione di macchine per il packaging in specifiche tipologie produttive.

Un’offerta “on demand”, ma customizzata alle esigenze dei clienti

La mission di Marchesini Group è fornire linee complete per il confezionamento, altamente personalizzate per il cliente: un’offerta “on demand”, ma customizzata alle esigenze dei vari clienti. “ Il settore del packaging – afferma Maurizio Marchesini, Consigliere Delegato – è in continua evoluzione e per essere competitivi è necessario confrontarsi costantemente con le innovazioni tecnologiche. Noi siamo convinti di poter essere il partner giusto con il quale cercare insieme, tra le nuove possibili soluzioni, quella ideale e adeguata alle esigenze dei nostri clienti ”.

La strategia del Gruppo è quindi incentrata sulla ricerca e lo sviluppo per dare al cliente una gamma sempre più completa di prodotti, avendo Una cura del dettaglio nella progettazione, unita a un’attenzione verso il servizio di post vendita e assistenza su scala globale. Per queste ragioni, le fasi di ingegnerizzazione e progettazione di ogni macchina vengono effettuate nella sede centrale di Pianoro in stretta collaborazione tra i team tecnici di Marchesini e il cliente stesso. Le macchine vengono dapprima prodotte nelle varie sedi del Gruppo o nelle aziende partner, per raggiungere, in un secondo momento, la sede produttiva centrale dove vengono assemblate in linee complete e poi spedite ai clienti in tutto il mondo.

Una delle caratteristiche di Marchesini Group è che l’head quarter funge da collante tra le varie aziende che utilizzano le medesime modalità di progettazione e scambio di informazioni in ogni fase della produzione. Ed è proprio questo tipo di esigenza che, nell’ottica di una riduzione dei tempi di programmazione delle macchine negli stabilimenti produttivi, ha portato l’azienda a puntare con decisione sul sistema di programmazione act/cut Professional di Alma, una soluzione unica in grado di offrire un CAD/CAM per tutte le macchine di taglio, con un nesting potente in grado di memorizzare e riutilizzare gli sfridi e soprattutto un’interfaccia automatica di dialogo con il sistema gestionale Baan da tempo adottato dal Gruppo Marchesini.

La capacità di gestire il nesting ed il salvataggio degli sfridi in modo da riutilizzarli in tempi successivi è stata molto importante nella nostra scelta di act/cut. Uno dei fattori che ci ha convinti a scegliere act/cut è stata la possibilità garantita da Alma di interfacciare il loro software al nostro sistema di gestione Baan.

L’archiviazione automatica delle sagome degli sfridi a più livelli

Ma procediamo con ordine. L’incontro con Mirko Fortunati, responsabile di uno degli stabilimenti produttivi del Marchesini Group ha permesso di sviscerare a fondo le motivazioni della scelta di act/cut e ogni aspetto del suo utilizzo. L’esigenza principale di Marchesini, oltre a quella di ottimizzare il materiale nel miglior modo possibile, era quella di tagliare pochi pezzi su una lastra, scaricare lo sfrido e ricaricarlo diverse volte (aggiornato) per tagliare piccoli quantitativi o addirittura singoli pezzi. “ Essendo noi lo stabilimento specializzato nella lavorazione della lamiera e dell’alluminio per la realizzazione del cosiddetto “piastrame” necessario alla costruzione delle linee – racconta Mirko Fortunati, responsabile di uno degli stabilimenti produttivi del Marchesini Group – non facciamo grosse quantità di pezzi; abbiamo per lo più una produzione fatta da piccole serie, prototipi e campionature ragion per cui la possibilità di gestire il nesting salvando i vari sfridi di lamiera, per poi riutilizzarli nei lanci successivi è stata fondamentale nella scelta fatta ”. Il Nesting della Alma, oltre alle funzioni automatiche, è molto flessibile e permette infatti l’archiviazione automatica delle sagome degli sfridi a più livelli, cioè è in grado di salvare e di riutilizzare gli sfridi degli sfridi.

Disponiamo in officina di un sistema di taglio laser Trumpf e di due sistemi di taglio ad acqua della Flow tutti con un campo di lavoro di 3.000 x 1.500 mm – racconta ancora Fortunati – difficilmente però lavoriamo l’intero formato e quindi devo avere la possibilità di immagazzinare lo sfrido per poterlo riutilizzare visto il costo ormai raggiunto dalla materia prima. Le funzionalità del modulo nesting integrato in act/cut permettono, dopo l’operazione di annidamento, che può avvenire in modalità automatica, semiautomatica o manuale, di salvare lo “scheletro. Ciò significa che nel lancio di produzione successivo in cui si utilizza lo scheletro salvato, le sagome e le forme dei pezzi già tagliati in precedenza, saranno visualizzati e presi in considerazione dal sistema sottoforma di fori presenti sulla lastra. Quando lo scheletro viene importato, il modulo nesting lo riconosce tenendo in considerazione i suddetti fori per il nuovo annidamento ”.

Un unico sistema di programmazione delle macchine, fresatura compresa

La flessibilità e semplicità di programmazione offerta da act/cut Professional ha fin da subito fatto intravedere la possibilità di arrivare ad avere un unico sistema di programmazione delle macchine pur trattandosi di tecnologie differenti, fresatura a controllo numerico compresa. “ Ci siamo resi conto di questa necessità/possibilità già in fase di scelta del sistema; con l’aumentare del lavoro è fondamentale saper di poter programmare il lavoro sia sui water-jet che sul taglio laser con un unico software e da un’unica persona. Tra l’altro, l’unico sistema di programmazione adottato in ogni stabilimento produttivo del Gruppo ci mette nella condizione strategica di poterci intercambiare. Se per esempio nell’altro stabilimento di Calderino, dove si lavora la plastica, dovessero avere un problema con la programmazione noi siamo in grado di intervenire per aiutarli a superare le difficoltà ”.

Alcune funzionalità specifiche di act/cut lo rendono infatti adatto alla programmazione anche di operazioni di fresatura, per lo più nel campo della lavorazione dell’allumino e delle plastiche. Tra l’altro, di recente Alma ha anche fornito a Marchesini l’interfaccia CAD 3D che importa i file CAD e applica automaticamente gli utensili sui disegni, riconoscendone le loro forme tridimensionali.

act/wood, inizialmente rivolto alla lavorazione dei pannelli di legno a 2,5 assi ma naturalmente adatto ai materiali plastici, legge i disegni 3D mediante il formato Step/Iges provenienti da Pro/ENGINEER, il sistema di progettazione CAD adottato da Marchesini. Scelta la faccia principale da lavorare, con possibilità di identificazione del verso della fibra del materiale specificata nel file proveniente dal CAD, act/wood applica automaticamente le lavorazioni di fresatura, svuotatura e foratura, sui disegni 3D in base al modello tridimensionale del pezzo. Successivamente trasforma i pezzi 3D in pezzi 2D contenenti le lavorazioni e le distanze tra i pezzi per il successivo nesting, considerando l’ingombro degli utensili. A questo punto i pezzi sono pronti per essere ottimizzati dal nesting sui vari formati delle lastre e processati in file CN.

L’utilizzo di un unico software di programmazione in ogni stabilimento produttivo del gruppo ci ha messi nella posizione di poter strategicamente interscambiare.

Interfaccia import/export per il gestionale Baan

Uno dei vincoli per la scelta di act/cut Professional – spiega ancora Mirko Fortunati – e quindi elemento fondamentale nella decisone presa è stata la possibilità assicurataci da Alma di interfacciare e collegare il software di programmazione delle macchine al nostro “gestionale” Baan su cui ruota l’intero Gruppo Marchesini “. Dall’ordine del cliente a tutto quello che in cascata viene dopo, sia per la produzione dei singoli pezzi e componenti che per la realizzazione della macchine e della linea finita. Alma ha quindi sviluppato questa interfaccia specifica di import/export degli ordini di produzione che permette ad act/cut di importare dal gestionale informazioni sui formati e sulla quantità di lamiere in magazzino, sugli sfridi presenti in magazzino (lamiere usate parzialmente) e sugli ordini dei pezzi da produrre con quantità, materiale e spessore. A questo punto il modulo act/manager raggruppa i pezzi omogenei (stesso materiale e spessore) e genera in automatico i “lanci di produzione”. Una volta eseguita la lavorazione, in automatico act/cut invia al gestionale Baan informazioni inerenti i formati e le quantità di lamiere utilizzate per la produzione: quantità dei pezzi prodotti e tempi di lavorazione per permettere a Baan di imputare alla produzione di ogni singolo pezzo il giusto tempo di lavorazione e, di conseguenza, il prezzo corretto.

Parlando di benefici avuti con l’adozione di act/cut Professional, Mirko Fortunati ha sottolineato l’estrema facilità di utilizzo del sistema Alma in generale, sottolineando, in particolare, le funzionalità nesting per i tagli in comune dei pezzi sui sistemi di taglio ad acqua della Flow, ma spendendo parole di elogio sulla professionalità assicurata da Alma stessa che, pur partendo da un prodotto software già all’avanguardia, si è resa completamente disponibile alla sua personalizzazione e ottimizzazione per la realtà del Marchesini Group.

Le macchine della Marchesini gestite da Alma:

– Fresatrice SCM Group RD125N con CNC NUM1040 per fresatura, svuotatura, foratura, filettatura e marcatura di materiali plastici (Plexiglass, PVC, Teflon, ecc.).

– Water Jet FLOW T11 con CNC S840D per Taglio ad acqua e marcatura di Ferro, Inox, AntiCorodal, Plexiglass, PVC, Teflon, Gomma ecc.

– Laser Trumpf L3040 per Taglio di Ferro, Inox, AntiCorodal

 

© 2008 – Alma

www.marchesini.com

Leggi anche